Pizza, il 52% degli italiani preferisce mangiarla a pranzo

12 novembre 2018 | evidenza,NEWS

La pizza è considerata dagli italiana uno tra i piatti più irresistibili ed irrinunciabili, con 1 italiano su 2 (il 52%, se vogliamo essere precisi) che la preferisce alla pasta (43%) durante la pausa pranzo, all’insalata (13%), ai panini (39%) e alla piadina (29%).
 
Questi dati emergono da uno studio promosso dall’Osservatorio Buitoni Culinary Lab effettuato su un campione di circa 2500 connazionali di età compresa tra i 20 e i 55 anni. Dall’analisi emerge in particolare che c’è alla pizza non rinuncerebbe mai: il 4% degli intervistati vorrebbe mangiarla ogni giorno sia perché contribuisce a dare una certa soddisfazione a livello emotivo (39%) sia perché, essendo un cibo versatile, può essere mangiata ovunque (13%). Il sondaggio mette in luce anche la frequenza con cui si tende a mangiare la pizza. Il 52% dichiara di mangiarla almeno una volta alla settimana mentre il 34% afferma di mangiarla ogni volta che sale la voglia.
 
Allo stesso tempo il 14% degli intervistati ritiene che la pizza favorisca la condivisione: in genere una pizza si mangia in compagnia degli amici (29%) o insieme al proprio partner (18%).
Il gusto non è fondamentale, piace allo stesso modo la versione tradizionale (la Margherita viene scelta dai più tradizionalisti nel 27% dei casi, la Prosciutto e funghi nel 32% dei casi) e la versione preparata con qualche impasto speciale (24%); la pizza è più buona quando è bassa secondo il 42% degli italiani mentre c’è una porzione del 12% che la predilige quando è alta, fermo restando che l’impasto debba essere ben lievitato.
 
3 italiani su 10 considerano fondamentale che in una pizza con la P maiuscola vi sia il cornicione che deve essere fatto “a regola d’arte”, come insegna la tradizione napoletana. Il 34% preferisce pizze farcite con una grande quantità di ingredienti.
 
Dove si mangia la pizza? Il 42% dice di farlo al ristorante, mentre il 36% utilizza il metodo della “schisc-o’ pizza”, cioè una “schiscetta” formata da tranci di pizza, che possono essere mangiati freddi oppure scaldati al microonde. Il 39%, invece, predilige chiamare la pizzeria e farsela portare direttamente a casa; solo il 12% sceglie l’asporto.  
  

©Riproduzione riservata