Ermanno Furlanis

ISTRUTTORI

Ermanno Furlanis
 
 
 
 
 

Pizzaiolo sin dalla prima gioventù in quanto figlio d’ arte di una famiglia attiva nella ristorazione.

 

Muove i primi passi in pizzeria a circa 12 anni dando una mano al padre il sabato e la domenica, poi diventa più esperto nelle pizzerie dello zio dove, con il cugino Diego, raggiunge livelli di alta velocità e si appassiona a questo mondo pazzo ma affascinante.
Completa gli studi regolari, in cui si laurea in Economia e Commercio oltre a conseguire un diploma in lingue, ma contemporaneamente continua a esercitare l’ arte di pizzaiolo nei fine settimana e durante le stagioni estive.

 

Nel ’92 entra in contatto con la neonata Associazione Pizzaioli Italiana – Pizza New di Caorle, poi evoluta in Scuola Nazionale Pizzaioli e quindi Accademia Pizzaioli attuale e viene affascinato dal livello dell’insegnamento al punto da diventare molto presto, dopo alcune missioni all’estero e in Italia, un istruttore della scuola.

 

Da allora con brevi interruzioni, ha continuato a insegnare sia per l’Accademia Pizzaioli che nei corsi regionali con istituti accreditati pubblici: IAL (Pordenone, Trieste), CIVIFORM (Cividale), ENAIP (Udine), OSF (Pordenone), COOP PICCOLO PRINCIPE (Casarsa, Codroipo, Tolmezzo). Molto presente anche nei corsi serali di recupero per adulti del Ministero dell’Istruzione, nella sede Scuole Medie A. Bianchi di Codroipo.

 

Particolarmente attratto dagli aspetti scientifici e di approfondimento delle fasi teoriche, si è specializzato, applicando tali ricerche, nelle tecniche pratiche di impasto indiretto (poolish e biga) delle quali ama sperimentare continui perfezionamenti e nuove frontiere, anche con uso di lieviti naturali.

 

Missioni all’estero:
1991 Oporto, (Portogallo); 1993 Bilbao; (Spagna-Paesi Baschi) 1994; Trencianske Teplice (Slovacchia) 1995; Zurigo e Lucerna, (Svizzera); 1996 Berlino (Germania), 1997 Pyong-Yang, (Nord Corea); 1999 Parigi (Francia); 2005 e 2006 Saint Giulian (Malta), 2009 Mostar (Bosnia-Herzegovina); 2012 Ternopoli (Ucraina).

  
  

©Riproduzione riservata


Share on Facebook0Share on Google+0Tweet about this on Twitter